Contributi economici: pubblicato il bando 2020

SI RENDE NOTO
che dal giorno 27/01/2020 e fino al giorno 26/02/2020 alle ore 12,00 possono essere presentate, da parte dei cittadini residenti da almeno 12 mesi (e stranieri residenti o domiciliati nel rispetto delle norme nazionali ed internazionali vigenti se muniti di formale permesso di soggiorno, in attesa di e domiciliati nel rispetto delle rinnovo o richiedenti asilo) che versino in condizioni di disagio economico, le istanze per la concessione dei contributi economici. Potrà essere richiesta solo una delle diverse forme di assistenza economica previste dall'Avviso Pubblico pubblicato in allegato alla presente pagina.

Dichiara l'assessore alle politiche sociali Benedetto Paris:

"Per il secondo anno rispettiamo i tempi definiti dal Regolamento per i Contributi di Assistenza Economica e pubblichiamo il bando per assegnare 4 contributi di assistenza economica continuativa (150 euro al mese per tre mesi) e 3 contributi di assistenza economica per il diritto alla casa. Le domande possono essere ritirate presso lo Sportello Per Te presso il Punto Accesso Salute e Sociale di Piazza della Libertà 1 oppure scaricate dal nostro sito internet e potranno essere consegnate da lunedì 27 gennaio a mercoledì 26 febbraio presso l'ufficio protocollo dell'ente. Novità di questo anno è il rafforzamento della valutazione dell'Assistente sociale, che può dare anche 0 di valutazione, e l'adeguamento ai valori del Reddito di Cittadinanza (9.000 euro di ISEE) per i contributi di assistenza per la casa e per i contributi economici straordinari. Con la modifica del Regolamento della passata primavera abbiamo escluso dai contributi del bando (assistenza continuativa e diritto alla casa) i percettori di Reddito di Cittadinanza e REI, che invece possono chiedere contributi straordinari per spese urgenti.

 

Il nuovo Regolamento sui contributi economici ha dato i frutti sperati: con i bandi dello scorso anno abbiamo erogato 8 contributi di assistenza economica continuativa e 6 per il diritto alla casa e insieme a quelli straordinari abbiamo sostenuto 30 nuclei familiari, contro i 18 del 2018. Questo ha permesso di razionalizzare le risorse per chi è in difficoltà, definire criteri trasparenti e chiari ed anche far emergere tante situazioni di difficoltà. Non sfugge certo che davanti ai 14 percettori di contributi tramite bando, il numero delle domande agli stessi è arrivato quasi a 50, con una grande richiesta di contributi per il diritto alla casa. Su questo ci sforzeremo sempre più, sia in termini di contributo diretto del comune, sia mettendo a sistema le risorse destinate a interventi simili della Regione Lazio, come il bando recentemente chiuso a cui hanno partecipato ben 20 cittadini e cittadine, molti di più rispetto ad altri comuni limitrofi, segnando la nostra emergenza sociale"