DDL Pillon e Io sono Ambiente: l’amministrazione Giovannoli c’è.

Logo Comune di Labico

Approvati in Consiglio Comunale due forti atti di indirizzo politico, entrambi presentati dalla capogruppo di maggioranza, con delega alle politiche giovanili e di genere, Giulia Lorenzon.
Il primo recepisce la mozione del movimento Non Una di Meno e l’appello delle associazioni SocialmenteDonna e Ponte Donna, che gestiscono il centro antiviolenza di Labico, nell’ambito del progetto Il filo di Arianna ( piano di Zona Asl Rmg5), ed impegna il impegna il Sindaco e la Giunta a chiedere il ritiro del DDL 735, inviando l’Odg al Senatore Pillon, a tutti i Parlamentari, al Presidente e ai vice-Presidenti del Consiglio, al Presidente della Camera e del Senato e alla Presidenza della Commissione Giustizia in cui è incardinato.
Il secondo, votato all’unanimità e senza l’astensione dei consiglieri Galli e Delle Cese di Tradizione e Progresso, si pronuncia in favore dell’adesione alla campagna ministeriale #IoSonoAmbiente che ha tra i suoi obbiettivi la drastica riduzione della plastica monouso e l’incentivazione di pratiche sostenibili attraverso l’adozione di best practice, a partire dalle istituzioni.

Dichiara la consigliera Lorenzon:

“Le due più grandi esplosioni democratiche degli ultimi anni sono state, e sono tuttora, quella femminista e quella ambientalista. Portano con sé rivendicazioni forti e trasversali, prettamente giovanili nel caso del grande movimento per l’ambiente nato dopo le dichiarazioni della studentessa Greta Thunberg alla Cop24 Katowice. Nei prossimi mesi entrambi i movimenti saranno in piazza, Non una di Meno con lo sciopero globale transfemminista in occasione della Giornata internazionale della donna mentre a partire dalle prossime settimane gli studenti scenderanno nelle strade delle capitali per ricordarci che la Terra è un bene che abbiamo preso in prestito dai nostri figli. Considerata la nostra storia politica non potevamo esimerci dal prendere una posizione netta. Ribadiamo dunque di essere chiaramente e dichiaratamente a favore di questo rincuorante fervore partecipativo, di cui il buon governo ha necessario bisogno specialmente davanti ad attacchi rivolti subdolamente verso grandi conquiste – il caso del DDL Pillon – e nei confronti della voluta lentezza che da decenni attanaglia le politiche in favore della sostenibilità ambientale, con tutte le ormai evidenti ripercussioni.”

Conclude il Sindaco Giovannoli:

“L’adozione di questi due odg è testimonianza dell’attenzione, più volta ribadita attraverso i numerosi appuntamenti istituzionali, che rivolgiamo alle grandi tematiche del nostro tempo. Anche se oggi siamo maggioranza, non possiamo dimenticare il nostro percorso, permeato dalla partecipazione attiva su contenuti densi di significato come quelli discussi in Consiglio.”