Labico, al via il centro per la genitorialità

Con la conclusione della manifestazione di interesse e l'affidamento della realizzazione dei servizi previsti nel progetto per il "Centro per la genitorialità" può finalmente essere avviato in modo concreto questo nuovo servizio ai cittadini e soprattutto alle cittadine di Labico.
Il progetto è finanziato per circa 30.000 euro dall'I.S.M.A. con fondi regionali, arrivato primo nella graduatoria relativa alla Città Metropolitana di Roma Capitale e secondo in assoluto.
Dichiara l'assessore, Benedetto Paris:
"Grazie alla qualità progettuale della proposta presentata dalla Coop. "Il Melograno" la nostra idea è stata ulteriormente arricchita. Per questo voglio ringraziare i proponenti perché hanno pienamente colto l'obiettivo che ci siamo prefissi: un Centro per la Genitorialità che sia riferimento e motore di servizi destinati ai bambini e le bambini 0-3 anni ed alle loro famiglie, che interloquisca con la rete di associazioni e professionisti attivi su questa fascia di popolazione che ha bisogni specifici, in modo particolare a Labico dove al 31/12/2019 la popolazione 0-2 anni risultava essere di 170 bambini e dove molte famiglie non hanno una rete familiare di supporto.
Essere vicino alla famiglia, in particolare alla madre ma non solo, in una fase come questa è fondamentale, così come dare dei riferimenti chiari per chiedere sostegno, avere informazioni, rompere la routine dei primi mesi di vita, particolarmente difficili anche a livello psicologico. Ci tengo a ringraziare l'assistente sociale Sandra Goffi per la redazione della proposta progettuale e gli uffici, a partire dalla Responsabile Maria Grazia Toppi, che hanno svolto in tempi strettissimi tutta la procedura per avviare il prima possibile il servizio"
Continua la Capogruppo di maggioranza con delega alle Politiche di Genere, Giulia Lorenzon:
"Un complesso di servizi davvero importante per Labico che ad oggi è il secondo comune più giovane del Lazio. Un insieme di misure concrete rivolte alle neo mamme e ai neo papà in una realtà in cui spesso i nuovi nuclei familiari non hanno più una rete di parenti a sostegno di una fase davvero delicata come quella della genitorialità. Questa maggioranza dimostra ancora una volta di essere davvero vicina ai cittadini e alle cittadine, agli adulti e ai più piccoli, con progetti all'avanguardia."
Conclude il Sindaco, Danilo Giovannoli:
"Non posso negare la soddisfazione e l'orgoglio per un progetto fortemente innovativo sul nostro territorio, che sarà un fiore all'occhiello non solo per l'Amministrazione tutta, ma soprattutto per la nostra comunità.
Un ringraziamento a ISMA – Istituti di Santa Maria in Aquiro – Azienda pubblica servizi alla persona e alla Regione Lazio per il finanziamento."
Il progetto prevede quindi i seguenti servizi:
- Seminari #informativi (nella prima fase in caso di restrizioni per Covid19 si terranno in via telematica) sui principali temi legati allo sviluppo del neonato (Sviluppo psicofisico ed emotivo del bambino, comunicazione verbale e non verbale Le fasi di apprendimento, sviluppo dell’autonomia e della fiducia, processo di separazione/individuazione);
- Seminari #esperenziali sulla conoscenza di sé e degli altri, con attività all'esterno destinati alle famiglie anche attraverso laboratori, momenti nelle aree verdi del territorio ed ulteriori attività;
- gruppi di #selfhelp, con appuntamenti periodici di aggregazione dedicati alle mamme i papà ed ai neonati, gestiti direttamente da loro con il coordinamento di una operatrice;
- #consulenza psico-pedagogica, sia per richiesta di informazioni e sostegno, sia per un intervento più approfondito di sostegno psicologico;
- #homevisiting, con obiettivi di tipo sociale ed educativo, attraverso interventi resi al domicilio dell’utente, anche al fine di promuovere e sostenere la funzione educativa genitoriale;
- #doula, una figura di sostegno emotivo pratico in gravidanza, travaglio-parto e dopo parto, in grado di potenziare le capacità genitoriali, un sostegno pratico e anche una compagnia per le tante madri che, spesso nei primi mesi post parto hanno bisogno anche solo di chi aiuti nella gestione del tempo e dei piccoli bisogni della quotidianità.;
- corso di #musicainfasce, con l’obiettivo primario di facilitare la relazione madrebambino che si sviluppa in un ambito non verbale fin dal momento del concepimento;
I servizi saranno svolti presso i locali di Palazzo Giuliani, entrata vicolo delle Coste, dove sarà anche allestito un #PUNTOMAMMA, con la disponibilità in orario di apertura degli uffici di un fasciatoio e punto allattamento.
Area degli allegati