Approvazione progetto definitivo per la realizzazione della viabilità denominata Colle Alto e del Centro logistico della raccolta differenziata

Approvato il 18 febbraio c.a. dal Consiglio Comunale di Labico il Progetto definitivo Strada di Colle Alto e del Centro Logistico per la raccolta Differenziata dei Rifiuti con l’adozione della Variante Urbanistica ai sensi dell’art. 19 d.p.r. n. 327/2001.

Dichiara Giuseppina Bileci, assessore con delega ai Lavori Pubblici:

“Si tratta di due opere pubbliche molto importanti per il nostro paese perché frutto di un percorso rispondente alla programmazione dell’Ente in materia di politica ambientale, sicurezza stradale e sviluppo delle attività produttive sul territorio. In particolare, il Centro Logistico per la Raccolta differenziata dei rifiuti nasce dall’esigenza di garantire un processo di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani alla comunità di Labico agevole, sicuro e sostenibile in termini di costi, tempi di realizzazione e dal punto di vista ambientale, con un riguardo particolare all’impatto visivo ed i materiali utilizzati per la sua costruzione, essendo la gestione dei rifiuti stata sempre al centro dell’attenzione della nostra Amministrazione, convinta che rappresenta uno degli anelli del sistema ambiente da controllare con grande attenzione per tutelare e salvaguardare la salute ed il futuro di tutti.
Il progetto definitivo della Strada di Colle Alto è strettamente collegato a quanto sopra esposto essendo sostanzialmente la nuova strada di accesso alla zona produttiva D2, dotata di tutti i servizi, che permetterà di raggiungere il Centro Logistico per la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani direttamente dalla Via Casilina.
Infatti, dopo ben 18 anni con la realizzazione della Strada di Colle Alto si pone la parola fine ad una situazione complessa che coinvolge plurimi interessi, nella cui risoluzione quello pubblico e del bene dei cittadini, come sempre accaduto nella nostra Amministrazione, ha prevalso. Quando, nel lontano 2003, furono presentati gli elaborati relativi alla formazione del Comparto attuativo dei Lotti B11 e B12 non erano previste modifiche ai tracciati esistenti. In seguito alla stipula della Convenzione tra il Comune di Labico e l’AR.PA Appalti e Costruzioni S.r.l., avrebbe dovuto essere realizzato un nuovo tratto di strada, che partiva dal Lotto B12 ed arrivava all’incrocio con la strada di Colle Alto. Ma, negli anni, malgrado l’impegno assunto dall’Amministrazione dell’epoca di modificare la viabilità della Zona D2 rispetto a quella appunto prevista nel Piano Particolareggiato del 1992 nulla è accaduto. La vicenda è tornata alla ribalta quando è stato messo in funzione nel giugno 2020 nuovamente l’impianto di confezionamento di calcestruzzo. A quel punto, tenuto conto del passaggio dei mezzi pesanti e delle condizioni della strada di Fontana Marchetta, in assenza della modifica alla viabilità di cui si fa menzione fin dal C.C. del 15 novembre 2003, il Capo Area II- Finanziaria e Tecnica ha autorizzato la ditta di calcestruzzo a «realizzare un nuovo tracciato stradale da utilizzare provvisoriamente nelle more della definizione progettuale esecutiva della strada e della sua realizzazione». Orbene, il Progetto definitivo approvato in CC è il nuovo tracciato, tanto atteso e che consentirà di creare una viabilità alternativa nel comparto industriale, e che consentirà anche di raggiungere dalla Via Casilina il Centro Logistico per la raccolta differenziata dei rifiuti.”

Prosegue l’assessore all’urbanistica ed ambiente, Maurizio Spezzano:

“Mi sarei aspettato un voto unanime del Consiglio considerata la grandissima opportunità che discende da entrambe le opere non per la presente amministrazione ma per la comunità labicana tutta. Un momento importante sotto il profilo dello sviluppo del servizio di igiene urbana, dell’urbanistica e della viabilità. Il Centro logistico ci consentirà, nel tempo, di avere importanti riscontri sotto il profilo della percentuale di differenziate avvicinando lo stesso alla cittadinanza e incentivando un corretto smaltimento dei rifiuti. La viabilità in Colle Alto sostanzialmente concretizza un’opera che ben tre amministrazioni hanno ignorato, rinviando di volta in volta il problema. Come sempre ci ritroviamo a prendere noi di petto le questioni sensibili: ne siamo felici ed orgogliosi.”

Continua l’assessore alle attività produttive Benedetto Paris:
“Intervento di Colle Alto è un’infrastruttura funzionale allo sviluppo di un’area e di un settore economico, dando finalmente opportunità a chi vuole avviare impresa artigianale – penso ad esempio ai fabbri ed ai falegnami - di farlo abbattendo altresì il traffico su via di Fontana Marchetta”.

Conclude il Sindaco Danilo Giovannoli:

“Oggi sono davvero orgoglioso di guidare un’amministrazione che ha avuto il coraggio e la dedizione di lavorare a lungo per poter consegnare alla cittadinanza due opere attese da anni. Ancora una volta ci troviamo ad essere l’amministrazione che ha la forza di risolvere annosi problemi come quello della viabilità in Colle Alto: prima di noi solo tante parole, oggi arrivano finalmente i fatti. Sia ben chiaro, non è una vittoria per il Sindaco ma una vittoria per i cittadini e le cittadine di Labico: queste sono opere di cui la cittadinanza potrà giovare dal momento della realizzazione e per tutti gli anni a venire. A tal fine ringrazio la mia squadra e gli uffici comunali senza dimenticare la Regione Lazio che, con i suoi finanziamenti, ci sta permettendo di concretizzare quanto previsto ed annunciato."